tel 010542057 0187516448 - Genova e La Speziamassimonicolo@occhioallaretina.it

L’occhio umano normalmente è lungo circa 23-24 mm e i tessuti che la luce incontra quando entra dentro l’occhio (cornea, cristallino e vitreo) fanno convergere i raggi luminosi in un punto preciso situato sul centro della retina (fovea). Questo consente di avere il massimo della acutezza visiva senza la necessità di portare occhiali.

Miopia
Nel caso in cui l’occhio sia leggermente più lungo del normale, il punto (fovea) su cui vengono fatti convergere i raggi luminosi si sposta in dietro per cui i raggi luminosi cadono al davanti della fovea. Per consentire ai raggi luminosi di tornate a farli convergere sulla fovea è necessario anteporre davanti all’occhio una lente negativa in modo da ridurre il potere di convergenza.

Miopia

B – Una lente negativa posta al davanti dell’occhio riduce il potere di convergenza e consente ai raggi luminosi di essere messi a fuoco sul centro della retina (fovea)

Miopia

A – Occhio più lungo del normale. I raggi luminosi non cadono sul centro della retina ma davanti alla retina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In altri casi succede che l’occhio sia leggermente più corto del normale, per cui i raggi luminosi invece di essere messi a fuco sul centro della retina, cadono dietro la retina. Per questo motivo è necessario anteporre davanti all’occhio una lente positiva che aumenta la convergenza dei raggi e li fa convergere sul centro della retina

Astigmatismo

Ipermetropia

B – Una lente positiva posta al davanti dell’occhio aumenta il potere di convergenza e consente ai raggi luminosi di essere messi a fuoco sul centro della retina (fovea)

Ipermetropia

A – Occhio più corto del normale. I raggi luminosi non cadono sul centro della retina ma dietro la retina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Astigmatismo significa che i raggi luminosi non possono essere messi a fuoco in un punto ma vengono messi a fuoco su una linea che può cadere sulla centro della retina (astigmatismo semplice), oppure al davanti della retina (astigmatismo miotico) o dietro la retina (astigmatismo ipermetropico). Il difetto sta nella curvatura della cornea che non è uniforme ma presenta valori diversi.