tel 010542057 0187516448 - Genova e La Speziamassimonicolo@occhioallaretina.it

INIEZIONI INTRAVITREALI DI FARMACI ANTIANGIOGENETICI REGISTRATI (ON-LABEL) NEL TRATTAMENTO DELLA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL’ETA’ E DEGLI EDEMI MACULARI

Premessa: Negli ultimi anni si è scoperto che il principale responsabile della crescita dei neovasi è una proteina denominata VEGF (vascular endothelial growth factor). Oggi grazie a questa scoperta sono stati messi a punto degli anticorpi in grado di bloccare il VEGF e quindi la crescita della NVC. Gli anticorpi si iniettano direttamente dentro l’occhio mediante iniezioni intravitreali.

Nuove indicazioni terapeutiche e rimborsabilità del Lucentis®

Lucentis rimane ad oggi l’unico farmaco disponibile sul mercato a totale carico del SSN registrato e indicato nelle seguenti patologie maculare:

  • degenerazione maculare legata all’età essudativa
  • edema maculare secondario a retinopatia diabetica
  • edema maculare secondariomocclusione venosa retinica
  • miopia patologica (maculopatia miopica con neovascolarizzazione coroideale)

NOVITA’ NEL TRATTAMENTO DELLE MACULOPATIE ESSUDATIVE

Un nuovo farmaco per la degenerazione maculare legata all’età essudativa:

Terapia e ricerca

La ricerca farmacologica nel campo delle maculopatie essudative non si ferma.

Un nuovo farmaco è disponibile in Europa per il trattamento della degenerazione maculare legata all’età essudativa. Il suo nome è Eylea ® (Bayer) ed è destinato a diventare un diretto concorrente del Lucentis ® (Novartis) nel trattamento delle maculopatie essudative.

Studi di confronto su larga scala tra i due farmaci hanno dimostrato una simile efficacia in termini di miglioramento dell’acuità visiva in pazienti affetti da degenerazione maculare legata all’età essudativa. Sulla carta Eylea ® avrebbe il vantaggio rispetto a Lucentis ® di durare un po’ più a lungo nel tempo. Questo si tradurrebbe in un numero minore di somministrazioni. Eylea ® per il momento non è ancora rimborsato dal SSN per cui il costo del farmaco è a totale carico del paziente.

Coloro che fossero interessati ad avere maggiori informazioni sul farmaco e sulla possibilità di poter essere trattati con Eylea possono scrivere a direttamente a: massimonicolo@occhioallaretina.it